Cubo Pipades

logo pipadesIntroduzione


Il progetto consiste in un evento di comunicazione itinerante finalizzato alla sensibilizzazione degli adulti sui rischi che corrono i bambini. Si sceglie l’aspetto ludico per veicolare il messaggio.
Con il gioco e il divertimento i messaggi passano meglio. Si favoriscono la socialità ed il buon umore, non da ultimo si arricchisce, senza troppe parole,
la consapevolezza di quanto è possibile fare per il benessere e la salute dei nostri bambini.

Un problema di salute pubblica

In Svizzera ogni anno a causa di un incidente muoiono tra 100 e 140 bambini. Come negli altri paesi occidentali, gli incidenti domestici sono diventati la prima causa di mortalità infantile sotto i 5 anni. Due terzi degli incidenti accadono in casa in presenza di adulti. La maggior parte degli incidenti potrebbe essere evitata e le conseguenze essere meno gravi se i genitori e le persone che si occupano di bambini fossero meglio informati. La sicurezza riconosce nella prevenzione la strategia migliore per la sua attuazione, e la prevenzione riconosce a sua volta nell’educazione il modo migliore per aiutare i bambini, adulti di domani, a riconoscere le situazioni pericolose per la propria incolumità e ad adottare i comportamenti più idonei per vivere in sicurezza.

Il gioco

Il gioco consiste nel far ricomporre ai partecipanti un puzzle entro un tempo dato. Nove cubi  correttamente ricomposti mostrano una delle immagini-messaggio. Sul lato di ogni cubo vi è un frammento di ognuna delle immagini che formano il puzzle.



Il sondaggio


  Durante le animazioni, i partecipanti sono invitati a compilare un formulario-sondaggio finalizzato all’elaborazione di statistiche sugli incidenti domestici che avvengono nella nostra regione. Al formulario è abbinato un tagliando per un concorso che offre premi destinati alla famiglia.

Hanno detto…


"Una sedia in bilico diventa un trampolino di lancio, un flacone di lacca il perfetto microfono, e il ripostiglio dei prodotti per la pulizia una macchina del tempo: situazioni per noi quotidiane e innocue possono diventare molto rischiose per i bambini. Individuare i potenziali pericoli, adottare accorgimenti semplici ed efficaci e correggere le abitudini fa la differenza, rendendo ogni giorno un avventuroso spasso al riparo dai rischi".
Paolo Beltraminelli Direttore Dipartimento Sanità e Socialità

I bambini imparano giocando o giocano imparando? Come specialisti nell'emergenza pediatrica vorremmo non essere mai confrontati con infortuni che toccano i nostri bambini.Riteniamo che il progetto Cubo sia un'ottima iniziativa per veicolare agli adulti il messaggio della prevenzione 
Dottor Luciano Anselmi, presidente della FCTSA

Gli sviluppi del progetto

Il terzo anno di attività ha visto l'avvio di un percorso di formazione in collaborazione con il dipartimento DSAN di SUPSI. 
vedi pagina dedicata

Nel contempo si è avviata anche la collaborazione attiva con TI-Education che partecipa agli eventi presentando al pubblico il gioco interattivo Piccolo Soccorritore dedicato ai più piccoli visitatori.

vedi pagina dedicata